Frank Horvat


Frank Horvat è un fotografo di origine italiana nato il 28 aprile 1928 a Abbazia, in Istria (ora parte della Croazia). È considerato uno dei pionieri della fotografia di moda e del fotogiornalismo.

Horvat ha iniziato la sua carriera nel campo della fotografia negli anni '50. Dopo aver studiato arte a Milano, ha lavorato come grafico e illustratore per diverse riviste. Nel 1951 ha acquistato la sua prima macchina fotografica, una Leica, e ha iniziato a sperimentare con la fotografia.

Nel corso degli anni '50 e '60, Horvat ha lavorato per importanti riviste di moda come Vogue, Elle e Harper's Bazaar. Ha contribuito a definire lo stile della fotografia di moda dell'epoca, introducendo un approccio più spontaneo ed informale. Ha fotografato molte delle icone di bellezza dell'epoca, tra cui modelle come Dovima e Suzy Parker.

Oltre alla fotografia di moda, Horvat ha anche svolto un ruolo significativo nel campo del fotogiornalismo. Ha documentato eventi storici come il Congresso del Partito Comunista Italiano nel 1956 e le proteste studentesche a Parigi nel maggio 1968. La sua fotografia documentaristica si caratterizza per l'attenzione ai dettagli e per la capacità di cogliere momenti significativi.

Negli anni successivi, Horvat ha ampliato il suo campo d'azione, sperimentando con diversi generi fotografici. Ha viaggiato in tutto il mondo, documentando culture e luoghi diversi. Ha anche esplorato la tecnica della fotografia a lunga esposizione, creando immagini astratte e suggestive.

Oltre al lavoro di fotografo, Horvat ha anche scritto libri e pubblicato diverse raccolte dei suoi lavori. Nel corso della sua carriera, ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti per il suo contributo alla fotografia.

Frank Horvat è noto per la sua dedizione all'innovazione e all'esplorazione creativa. Ha abbracciato diverse tecniche fotografiche e ha sempre cercato di andare oltre i confini tradizionali della fotografia di moda e del fotogiornalismo. La sua vasta produzione artistica e la sua influenza duratura lo rendono una figura significativa nella storia della fotografia.

Le vite dei fotografi