Sigma 24mm wide II versus Sigma 30mm Art

Un confronto tra due obiettivi molto distanti tra loro

La distanza di cui parlo nel sottotitolo è relativa all'anno di produzione e alla luminosità delle lenti. Un F/2.8 per il 24mm e addirittura un F/1.4 per il 30mm. Per il resto le due lenti si avvicinano. Entrambe compatte, entrambe con una focale grandangolare - con la differenza di soli 6mm.

Il 24 mm è stato prodotto dal 1988 al 1994, mentre il Sigma 30mm Art è stato prodotto a partire dal 2013. Venticinque anni di differenza! A pensare ai grandi passi della tecnologia in 25 anni di storia (dall'informatica, ai telefonini, alle tv, etc.) si potrebbe pensare che questo confronto sia impari, addirittura inutile. Eppure, nel caso dell'ottica, una buona lente rimane una buona lente. Ve lo garantisco! E adesso andiamo a scoprirlo.

Sicuramente anche la Sigma, in 25 anni di attività ha compiuto progressi. Pensate solo al fatto che il Sigma Art 30mm ha un diaframma aperto di F/1.4, ha un motore ultrasonico, 9 lamelle arrotondate, e rimane comunque un obiettivo compatto, facile da portare con sé, con delle ottime performance, soprattutto a basse luci.

Ma non ho saputo non mettere a confronto queste due lenti, e possederle entrambe. A livello economico, il Sigma costa circa tre volte di più del più anziano 24 mm, ma questo è un altro discorso.

Vediamo subito come si comportano questi due obiettivi con una prima foto d'esempio. Ho provato queste due lenti con una Nikon D7100, scattando in JPG.

Sigma 30mm Art versus 24mm Super wide

Si racconta che lo schema ottico del Sigma sia stato trafugato da Leica. La resa dei piani del Sigma 24mm Super Wide II è davvero degna di rilievo, perché riesce a raccondare il primo piano con lo sfondo, anche quando lo si usa in modalità macro.

Sigma 30mm Art versus 24mm Super wide

Tabella di confronto: Sigma 24mm wide II F/2.8versus Sigma 30mm DC Art F/1.4

Sigma 24mm AF Super wide II F/2.8

  • Dimensioni: 64 x 43 mm
  • Peso: 250 g
  • Motore AF Interno: no
  • Rapporto di riproduzione: 0.25x
  • Min distanza di messa a fuoco: 18 cm
  • Angolo di campo: 84°
  • Lamelle diaframma: 6
  • Schema ottico: 8 elementi in 7 gruppi
  • Diaframma max: F/2.8
  • Diametro filtri: 52 mm

Sigma 30mm DC Art F/1.4

  • Dimensioni: 74.2 x 63.3 mm
  • Peso: 435 g
  • Motore AF Interno: sì, HSM - Hyper Sonic Motor
  • Rapporto di riproduzione: 0.15x
  • Min distanza di messa a fuoco: 30 cm
  • Angolo di campo: 50.7°
  • Lamelle diaframma: 9 (arrotondate)
  • Schema ottico: 9 elementi in 8 gruppi
  • Diaframma max: F/1.4
  • Diametro filtri: 62 mm

Immagini di esempio

In questa prima immagine ho tenuto un'apertura a F/5.6 e ISO 100.
Lo scatto è stato fatto con una Nikon D7100 e il punto di messa a fuoco era il fiorellino del cactus.

Sigma 24mm Sigma 30mm

 

Della stessa immagine, guardiamo qui sotto un crop al 100%

Sigma 24mm Sigma 30mm

 

Il Sigma 30mm Art risulta essere in questo confronto più incisivo, regalandoci immagini più nitide.
Vediamo adesso come i due obiettivi si comportano nelle foto ad oggetti vicini.
Il Sigma 24mm Super wide II ha anche una funzione macro. Il rapporto di ingrandimento non è di 1:1 come nei veri obiettivi macro, ma permette di avvicinarsi a soli 18 cm dall'oggetto - mentre per il Sigma 30mm Art distanza minima per la messa a fuoco è di 30 cm.

Le due foto qui sotto a confronto, sono state scattate alla stessa distanza, con una focale F/2.8 e ISO 100, su treppiede.

Sigma 24mm Super Wide II Sigma 30mm Art

 

Un'altra immagine per confrontare i due obiettivi. Scattata con focale 5.6 a 100 ISO in una giornata nuvolosa.

Sigma 24mm Super Wide II Sigma 30mm Art

 

Il Sigma 30mm Art risulta molto nitido a focali aperte, mentre il vecchio Sigma 24 mm risulta più morbido. Nella foto che segue, e nel successivo crop al 100% si può vedere un esempio della nitidezza del Sigma Art 30mm alla focale di F/2.8.

Sigma 30mm Art

Sigma 30mm Art

 

Delle [quasi] conclusioni...

Come detto all'inizio di questo articolo, il confronto tra queste due lenti poteva sembrare impari. Un po' lo è, e non potrebbe essere altrimenti, perché venticinque anni di evoluzione tecnologica si sentono anche in casa Sigma, ed il 30mm ha delle caratteristiche che lo rendono molto più performanti del 24mm Super Wide II.

Tuttavia il vetusto 24mm sa dire ancora la sua e riesce ancora a regalare bei colori e un gradevole bokeh.

Il costo nell'usato è davvero contenuto e, altro punto a favore del 24mm, è la sua capacità di avvicinarsi molto al soggetto della foto - dicesi macro, anche se il rapporto non è di 1:1.

Nelle foto qui sotto potete vedere alcuni esempi di foto macro realizzate appunto con il Sigma 24mm Super wide II. Altre foto, una gallery in QHD e una mia recensione di questo piccolo ma comunque ancora performante obiettivo la potete trovare cliccando su questo link.

Sigma 24mm Super Wide II

Sigma 24mm Super Wide II

Sigma 24mm Super Wide II

Sigma 24mm Super Wide II

Altri obiettivi per fotocamere reflex