Il bianco e nero in fotografia

Forme, linee, contrasto tra luce e ombra

La fotografia in bianco e nero nasce come mancanza tecnica: agli albori della tecnica fotografica non si era in grado di riprodurre una foto a colori. Con il tempo la tecnologia si affina e la foto a colori diventa un'invenzione che cambierà le abitudini sociali e la percezione della realtà - le prime foto a colori nascono nel 1935 con la pellicola per diapositive Kodachrome, seguita nel 1936 dalla Agfacolor.

Eppure la fotografia in bianco e nero non solo resiste al cambiamento della tecnologia, ma diventa fotografia artistica. Ricercata da moltissimi fotografi professionisti e amatoriali. Dal 2012 al 2015 la Leica ha prodotto la Leica M-Monochrom, una fotocamera mirrorless con sensore full-frame.

Fotografia in bianco e nero

FOTOGRAFARE IN BIANCO E NERO

Per fotografare in bianco e nero, provate ad abituarvi a vedere in bianco e nero. La fotografia in bianco e nero vive soprattutto di forti contrasti tra le zone di luce e le zone d’ombra, e a volte non è facile immaginare come la realtà che noi vediamo a colori diventerà una volta portata in bianco e nero.

All’opposto, l’assenza di colori, aiuta il fruitore della foto a concentrarsi più sulle forme e sul rapporto tra le zone chiare e quelle scure della fotografia. Fotografare in bianco e nero aiuta lo stesso fotografo a concentrarsi maggiormente sugli aspetti della composizione fotografica, perché anche lui sarà meno distratto dai colori.

Fotografia in bianco e nero

Tra le principali forme di composizione fotografica che possiamo utilizzare nella fotografia in bianco e nero vanno annoverate:

  • a) pattern: forme scure e forme chiare possono dare vita a pattern. In questo caso la fotografia diventa un’altra cosa rispetto all’immagine iniziale. Il pattern diventa il soggetto della composizione delegando in seconda scena il soggetto reale della fotografia. È l’immagine che diventa “altro” caricandosi di significati ulteriori che appunto vanno oltre l’immagine rappresentata. Provate a guardare la vostra foto dimenticandovi del significato del soggetto...
  • b) simmetria: soprattutto nella fotografia in bianco e nero la simmetria può diventare il fulcro della composizione, avvantaggiata dal fatto che l’assenza dei colori porta l’attenzione a focalizzarsi sull’essenziale;
  • c) forme e linee: se pensate alla composizione fotografica come un insieme di forme e di linee, la fotografia in bianco e nero, con i suoi contrasti tra il chiaro e lo scuro, non farà altro che accentuare questa caratteristica della composizione.
Fotografia in bianco e nero

La maggior parte delle macchine fotografiche digitale ha delle funzioni che consentono di fotografare in partenza in bianco e nero. Un buon esercizio può essere utilizzare questa funzione per iniziare a fotografare in bianco e nero. Ci abitueremo in questa maniera a “vedere in bianco e nero”.

Fotografia in bianco e nero

Terminato questo esercizio potremmo ritornare alla fotografia a colori e successivamente convertire le nostre foto in bianco e nero.

In fase di post produzione potremmo lavorare con i filtri per accentuare zone di luce o di ombra e aumentarne il contrasto. Avremmo così maggiori possibilità di intervento e potremmo realizzare due o più varianti di una stessa foto in bianco e nero dove il contrasto sarà più o meno accentuato in base al nostro gusto personale.

Fotografia in bianco e nero

High-key e low-key. Predominanza della sovraesposizione o delle sottoesposizione.

Una delle possibilità che ci offre la fotografia è quella di andare oltre all’immagine, e di presentarci una realtà altra, che può caricarsi di diverse connotazioni e stati d’animo: sogno, drammaticità, poesia. Sovraesponendo o sottoesponendo l’immagine abbiamo la possibilità, con il bianco e nero, di andare in questa direzione, suggerendo nuovi universi semantici ad immagini semplici o banali.

Fotografia in bianco e nero